Titoli Sociali

Fondo Nazionale Politiche Sociali

Titoli Sociali

, , , , , , ,

Il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali, istituito dalla Legge 449/1997 (art. 59 c. 44) e poi ridefinito dalla Legge 328/2000 (art. 20), è la principale fonte di finanziamento statale della rete ordinaria di interventi e servizi sociali.

Nel Fondo nazionale per le politiche sociali (FNPS) sono contenute le risorse che lo Stato stanzia annualmente con la legge di bilancio per la promozione e il raggiungimento degli obiettivi di politica sociale indicati dalla legge quadro 328/2000.

Una parte dei fondi derivanti da FNPS vengono impiegate dal Distretto Cremonese attraverso il sistema dei titoli sociali.

I titoli sociali sono strumenti per sostenere e finanziare progettualità individualizzate attraverso l’attivazione di interventi e servizi assistenziali a favore di persone e/o nuclei familiari in condizione di fragilità socio-economica.

Le risorse economiche per i titoli sociali a disposizione del territorio per l’anno 2022/2023 ammontano ad una somma complessiva di 459.221,90 euro (DGR 30 giugno 2022 – n. XI/6573 – Approvazione del Piano di riparto e modalità di utilizzo delle risorse del Fondo nazionale per le politiche sociali – Annualità 2021).

In sintesi le tipologie di titoli sociali in relazione alle aree di intervento e agli strumenti da utilizzare per la presentazione delle domande:

Patto Adulti
sostenere la persona fragile e vulnerabile contribuendo all'attivazione di percorsi di inserimento abitativo, lavorativo e sociale sempre nell’ottica della promozione verso l'autonomia della persona.
Patto Anziani
sostenere percorsi di sollievo per le famiglie che si occupano di persone anziane e promuovere l’invecchiamento attivo attraverso il sostegno alla persona e alle sue autonomie.
Patto Disabili
sostenere percorsi di sollievo per le famiglie che si occupano di persone disabili e promuovere le autonomie della persona nella cornice di un approccio integrato con le altre misure di supporto alla disabilità
Patto Minori
sostenere la rete formale ed informale in cui è coinvolta la famiglia, promuovendo al meglio le risorse del nucleo stesso, privilegiando il carattere preventivo dell’azione nei confronti della fragilità della famiglia con minori.
Attività a rilevanza sociale (ARS)
Attività a rilevanza sociale svolte nell’ambito di servizi e prestazioni in capo ai Comuni e a favore della collettività.
progetti di comunità
attivazione di interventi a favore della comunità locale tenendo conto dei bisogni sociali rilevati, delle specificità territoriali e delle risorse presenti a servizio della collettività.
sostegno donne vittime di violenza
voucher per sostenere i costi di retta in strutture protette specifiche per donne vittime di violenza già inserite in progettuallità precedenti, figli compresi

Per accedere alle risorse del FNPS  è necessario presentare domanda per il tramite dei Servizi Sociali Comunali ad Azienda Sociale del Cremonese sull’apposito Modulo.

Ad ogni misura, di fatto, corrisponde un’apposito modulo di richiesta del contributo economico allegato al presente documento.

Le domande dovranno essere trasmesse in forma cartacea a:

  • protocollo@aziendasocialecr.it
  • aziendasocialecr@pec.it
  • Direttore Generale ed ai referenti di area sociale

entro e non oltre le date di scadenze che verranno definite e comunicate  mensilmente dalla Commissione Titoli Sociali di ASC al Servizio Sociale Territoriale dei Comuni dell’Ambito.

L’Azienda Sociale del Cremonese procederà alla formulazione delle graduatorie ed alla validazione dei progetti sociali secondo il calendario da definire congiuntamente alle Aggregazioni Territoriali.
Saranno finanziati progetti sino al raggiungimento delle risorse assegnate.
I progetti approvati ma non finanziati per insufficienza di fondi saranno considerati in caso di sospensione o revoca dei progetti finanziati.
I progetti approvati ma non finanziati per insufficienza di fondi possono essere ri-presentati alla scadenza successiva se dovesse permanere la condizione di bisogno.

Il contributo economico riconosciuto sarà erogato in una o più soluzioni a seconda della caratteristica di bisogno definite nel progetto sociale, fatto salvo l’impegno del beneficiario, al verificarsi di una delle cause di decadenza alla restituzione delle somme eccedenti.